Televes Televes
Televes
Lingua: en | de | it | pl | pt | es
Televes
Televes
Televes
Televes

InfoTeleves 37 (Agosto 2016)

Data: 
08/2016

Logotipo InfoTeleves

Allegato Dimensione
INFO37_Agosto2016_IT.pdf 9,53 MB

 

  Somario:

  • Informazioni generali: Il secondo dividendo digitale, scenario +
  • Televes nel mondo: ANGACOM  (Colonia-Germania), Essential Install Live!  (Esher-UK) +
  • Foto curiose: Ispirazione olimpica con Televés +
  • Sapevi che: ...Televés iniziò a fornire attrezzature nel 1990 per Sky Television? +
  • Tendeze tecnologiche: La crescente necessità di proteggere i contenuti digitali +
  • Domande frequenti: Quanti moduli T.0X posso installare nei miei armadi e cornici? +
  • Formazione: Configurazione base di una installazione CoaxData +
  • Idee: Monitorizzazione di una centrale di testa tramite il modulo T.0X ‘CDC’ +
  • Instalazioni reali: Belmond Hotel Caruso 5* (Ravello, Salerno - Italia) +
  • Nuovo prodotto: TForce. Accettiamo la sfida +

Il secondo dividendo digitale, scenario

E' ancora fresco il ricordo del primo dividendo digitale e già si è iniziato a parlare molto seriamente del secondo. L'Unione Europea ha fissato il 2020 quale scadenza per la nuova migrazione delle frequenze della DTT, che in questa occasione dovranno abbandonare la banda dei 700 MHz per cederla alla prossima generazione di servizi mobili, il 5G. I partners della UE dovranno presentare i propri piani di transizione entro il 30 giugno 2017. Tuttavia, i Paesi che lo giustificheranno potranno richiedere un rinvio di due anni.

Il secondo dividendo digitale confinerà la DTT nella banda compresa tra i 470 de i 694 MHz, una riallocazione con l'approvazione della Conferenza Mondiale delle Radiocomunicazioni. Tuttavia, il processo presenta alcuni interrogativi, e la UE della Radiodiffusione già ha avvisato del “carico pesante” che per gli operatori è una nuova mossa.

DVB-T2 puO' RISOLVERE IL PROBLEMA DI COME  ALLOCARE IL NUMERO ATTUALE DI CANALI DELLA DTT IN UNA SEZIONE MINORE DI SPAZIO RADIOELETTRICO

Una delle questioni da risolvere è come allocare l'offerta attuale di canali, con l'ovvia necessità di continuare a offrire servizi ad alta definizione, in una sezione minore di spazio radioelettrico. La soluzione deve passare irrimediabilmente per il cambio da DVB-T a DVB-T2, la seconda generazione del sistema europeo di televisione digitale terrestre, che offre maggior robustezza e, soprattutto, incrementa l'efficienza dello spettro. Alcuni paesi come l'Italia e il Regno Unito hanno già servizi commerciali sotto questo standard e altri come la Germania e l'Austria hanno iniziato ad adottarlo. Con il DVB-T2 sarà possibile mantenere l'integrità della DTT, qualcosa che sembra indispensabile, data l'importanza sociale della televisione "per tutta la vita", che rimane una delle scelte preferite di informazione e intrattenimento per 250 milioni di europei

 

Index

   

Televes en el mundo 

ANGACOM
(Colonia-Germania) 7 - 9 Giugno

 
 

La tecnologia Televes TForce ha causato grande ammirazione e molto scalpore in ANGACOM 2016.TForce rappresenta un salto esponenziale verso la miniaturizzazione dei componenti elettronici, permettendo a Televes di sviluppare una nuova generazione di prodotti con specifiche tecniche senza eguali

 

Essential Install Live!
(Esher-UK) 6 - 7 Luglio

 

Questo trade show è orientato verso soluzioni audiovisive sofisticate con un'attenzione particolare per le implementazioni per il settore della Hospitality, dove Televes ha avuto occasione di mostrare le soluzioni della gamma FibreData e CoaxData, così come nuovi prodotti come la Avant 9 e nuovi Encoders. L'evento sta generando una sempre maggiore attenzione anno dopo anno tra gli installatori professionisti di dati e networks televisivi  

Index

  

FAQs - Preguntas frecuentes

Quanti moduli T.0X posso installare nei miei armadi e cornici?


Vi forniamo le dimensioni dei nostri articoli in modo che possiate fare un calcolo prima del montaggio.

OPINIONE DELL’ESPERTO

Grazie a queste misure e grafici si saprà quanti moduli si posso alloggiare in ognuno dei propri armadi o cornici. In Televés usiamo dimensioni standard per facilitare l'installazione ai nostri tecnici. Queste misure si assumono da un Eurocard (formato standard europeo per PCBs). In verticale abbiamo la U (Unit Rack) che equivale a 1,75 pollici (44,45mm) de in orizzontale abbiamo HP (Horizontal Pitch), equivalente a 0,2 pollici (5,08 mm).

Inoltre indichiamo anche le dimensioni dei moduli principale della nostra gamma di centrali di testa

 

Supports and Cabinets HP
5301 Cornice di Rack 19’’  84
567201 Supporto Rack 19’’  54
5072 Armadio con chiave 498mm  84
5069 Armadio con chiave 648mm  112
5235 Armadio con chiave 948mm  168

 

Lista dimensioni attrezzature

HP

5629

549812

Alimentatore T.0X/T.12  14
- T.0X (Trasmodulatori, CDC,...)  10
- T.12 moduli  7
5673 Coperchio cieco T.0X 10
507312 Coperchio cieco T.12/T.05  7

 

Fibra ottica HP
234220 T.0X EDFA  14

2337

2339

T.0X Splitter 2/4 Uscite  10
234401
234501
234601
T.0X Splitter 8/16/32 Uscite  18
234228 T.0X EDFA 1Ingresso/8 Uscite  22

 

 

Index

  

 FOTO CURIOSE

 

Ispirazione olimpica con Televés

Con l'Europeo di calcio e le Olimpiadi di Rio come fonte di ispirazione, alcuni hanno pensato al significato di Televes quando si tratta di ricevere con qualità le trasmissioni sportive.

Non vi è dubbio che il modo per garantire una buona giornata di sport è quello di utilizzare le migliori attrezzature presenti sul mercato. Con Televés ci si assicura che i televisioni ricevono il segnale migliore ... il risultato della partita è un'altra questione

 

Index

Formacion 

Configurazione base di una installazione CoaxData

Una volta certificata la rete coassiale, la verifica di un sistema CoaxData comprende quattro semplici passi.


Il set-up di una installazione CoaxData si realizza mediante CoaxManager, il software di configurazione di sistema e quattro semplici passaggi.

1. Eseguire CoaxManager dal dispositivo master, si devono verificare le opzioni della sua configurazione:

a.    Tipo di Rete: MDU/MTU per applicazioni professionali (non permette il traffico tra dispositivi slave)
b.    Configurazione del dispositivo come Master.
c.    Rete Coassiale / PLC.
d.    Maschera di Trasmissione: consigliata Mask3 per i dispositivi di ultima generazione.

In più si potrà modificare la chiave di rete (da default HomePlugAV) pur di evitare che un altro dispositivo CoaxData acceda alla rete.

2. Verifica della connettività nel segmento coassiale.

Nella tab Network si deve poter identificare tutti gli Slaves che dipendono da ogni master. Si indica pure la larghezza di banda disponibile in ogni collegamento Master - Slave. Se facciamo doppio click su ognuno di questi collegamenti vedremo la risposta del rendimento di ogni  portante nella larghezza di banda occupata.

3. Verifica di connettività livello 3 del slave 769301.
Nel tab Network Information si vede l'informazione della IP per il cliente DHCP. Se questo indirizzo IP & maschera è corretto si potrà navigare su internet.

4. Configurazione del slave 769301.
In questo passaggio dobbiamo ricordare un articolo precedente dove spiegavamo come lo Slave 769301 è composto da due blocchi: uno Slave CoaxData che accede alla WAN e un router con diverse interfacce che formano parte di una LAN. Per configurare il blocco Slave del dispositivo dovremo previamente configurarlo come “Access Point”.

Nella tab Network selezionare l’opzione ”Enable Access Point Mode”, a posteriori con l’ applicazione CoaxManager  possiamo procedere a fare le modifiche di configurazione necessarie (Chiave di rete, etc.). Dopo aver realizzato le modifiche della configurazione disabilitare l’ opzione “Enable Access Point Mode”

 

 

 

 

Index

Hablando de 

La crescente necessità di proteggere i contenuti digitali

Le nuove formule per la distribuzione dei contenuti digitali
sottolineano la necessità di garantire i diritti dei contenuti distribuiti.


La protezione del contenuto è nuovamente in auge per i problemi inerenti alla tutela dei diritti e licenze che coinvolgono i nuovi schemi di  marketing e consumo di contenuti digitali, tanto per reti gestite che reti non gestite, in particolare quest'ultima. Il passaggio di contenuti audiovisivi in ‚Äč‚ÄčHD e la progressiva introduzione di contenuti UHD stanno accelerando la tendenza alla protezione dei fornitori di contenuti, che detengono i loro diritti e che basano su questo il loro business e commercializzazione.

La distribuzione digitale comporta rischi di utilizzo e ridistribuzione non autorizzata per i quali i fornitori di contenuti detengono i diritti. Le tecnologie applicate per proteggerli dovrebbero essere trasparenti per l'utente, in modo da garantire nessun tipo di cambiamento nella qualità delle immagini o dei suoni.

Un sistema di accesso condizionato contiene una combinazione di scrambling (cifrato) e la criptazione impedisce la visione del contenuto ad utenti non autorizzatti. La crittografia è il processo che permette a suoni, immagini e dati di essere illegibili. Il processo di crittografia prende la protezione da delle chiavi che devono essere trasmesse insieme al segnale criptato in modo che solo gli utenti autorizzati possano decifrare i segnali.

Se un operatore di rete è tra il fornitore di contenuti e l'utente finale, è necessario scegliere un particolare sistema di accesso condizionato e rendere la fornitura protetta (criptazione in centrale, STB, CAM, smart card) per limitare la distribuzione dei contenuti.

En el caso de distribución de contenidos sin que haya entre medias un operador de red en sentido estricto, como puede ser el caso de la distribución en una red Hospitality (hotel o similar), la In caso di distribuzione di contenuti senza un operatore di rete in senso stretto, come nel caso della distribuzione in Hospitality (albergo o simili), la distribuzione viene generalmente effettuata utilizzando transmodulatori o encoder. In entrambi i casi, i segnali che vengono distribuiti attraverso la rete sono aperti, utilizzando elementi di decriptaggio come STB o cam, ma in questo caso l'utilizzo di un sistema di accesso condizionato non è operativo, in particolare l'enorme complessità di gestione che suppone assenza di un operatore di rete in senso stretto.

Pertanto, il metodo utilizzato è l'uso di tecniche o watermarking, implementando un marchio non visibile all'utente sul segnale distribuito. Questo marchio identifica la sorgente del segnale e, potenzialmente, l'utente che la riceve, permettendo in tutta la distribuzione la rintracciabilità.

Ci sono altre possibilità, come l'inserimento di un segnale DRM distribuito. Si opera nello stesso modo di un accesso condizionato, criptando il segnale e decriptando le chiavi. La decriptazione dall'utente finale viene eseguita da un CAM inserita  nella TV. Così nessun segnale viene trasmesso in rete di distribuzione aperto e solo gli utenti forniti di  CAM saranno in grado di aprire il contenuto. Questo sistema ha un'altra variante che avviene incorporando le chiavi di decriptazione nel ricevitore televisivo, semplificando la gestione di protezione dei contenuti.   

In Televés seguiamo molto da vicino l'evoluzione dei servizi di contenuti protetti  per l'evoluzione della tecnologia digitale, offrendo soluzioni tanto agli operatori di rete come ai distributori di contenuti in infrastrutture

 

 

Index

Sabía que ......Televés iniziò a fornire attrezzature nel 1990 per Sky Television?

 

Televes siglò un contratto col network Britannico Sky Television (BskyB) per fornire attrezzature per la ricezione satellitare analogica. Tale accordo aveva un carattere “aperto” onde permettere a Televes di fornire le soluzioni tecnologiche per soddisfare le esigenze della compagnia televisiva Britannica. In quello stesso anno, Sky aveva raggiunto più di 6 milioni di utenti con quattro canali di copertura europea

 

Index

Ideas

Monitorizzazione di una centrale di testa tramite il modulo T.0X ‘CDC’


L’abbinamento del modulo T.0X CDC (controllo di testa) e il software T.0X Suite, permettono  la configurazione in remoto di una centrale di testa T.0X. Da solito l’accesso alla configurazione dei moduli presenti, viene realizzata soltanto da personale specializzato della società installatrice.

Però, la monitorizzazione e la configurazione delle opzioni del proprio modulo CDC si possono realizzare senza la necessità del T.0X Suite da qualunque browser web. Il modulo CDC genera una pagina web associata al porto 15706 quindi se inseriamo il socket (IPCDC:15706)   nel browser, si potrà accedere ai suoi parametri e alla visualizzazione dello stato della centrale di testa.

Mediante i classici programmi d’accesso remoto come VPN o NAT, questa pagina sarebbe accessibile da qualunque luogo velocizzando il tempo di supervisione della centrale di testa tramite qualunque dispositivo con accesso a internet indipendentemente dal sistema operativo che avvia

 

Index

Instalacion 

Belmond Hotel Caruso 5* (Ravello, Salerno)


 
     

La società Tesser Antenne di Treviso ha realizzato, su questo hotel di lusso –ricavato da un palazzo del XI secolo con panorami mozzafiato sulla Costiera Amalfitana–, l'installazione di una centrale di testa T.0X completa che genera 150 servizi TV.

L'installazioni è composta da 5 antenne paraboliche coi rispettivi LNB ottici e 17 trasmodulatori T.0X, associati a multiswitch della serie NevoSwitch, gestiti da remoto con l’apposito modulo di controllo T.0X. I canali generati vengono filtrati e amplificati con centrali programmabile AVANT e resi disponibili alla rete coassiale di distribuzione.

Questa installazione è un buon esempio di una centrale moderna dove convergono tecnologie come la fibra ottica, la trasmodulazione e la gestione remota IP

 

 

 

Index

 

  

  

 

Accettiamo la sfida
Siamo pronti

 

Scoprite la nuova tecnologia
che permetterà di fabbricare prodotti
con funzioni difficili da eguagliare

Video>>

Index

 

 

Televes
Televes Televes