The wishlist name can't be left blank

Documentazione

La documentazione più completa e aggiornata dei nostri prodotti e servizi disponibili per la visualizzazione e il download. Seleziona una categoria per iniziare la ricerca.

InfoTeleves 54 (Marzo 2020)

Informazioni generali

Dalla trasformazione digitale al cambiamento culturale

Tutte le aziende devono essere pronte a giocare d’anticipo e a mettere in moto processi di evoluzione e trasformazione. Il nostro mondo è nel bel mezzo della quarta rivoluzione industriale, un processo di cambiamento globale stimolato dalle nuove tecnologie.

Televés si adegua a questo contesto attraverso il suo piano di trasformazione digitale. Con la digitalizzazione, tutti i nostri strumenti e processi di gestione si integrano con l’attività commerciale, permettendoci di accentuare la nostra vicinanza a clienti e collaboratori. Possiamo anche misurare il ritorno degli investimenti ed essere maggiormente coesi e coordinati. Questa trasformazione implica anche la scommessa sul modello industriale 4.0 attraverso il progetto Corp4Future. Con esso avanziamo verso un’idea di fabbrica iperflessibile e al contempo facciamo un salto qualitativo in termini di produttività ed efficienza.

Gli obiettivi sono la conservazione del ruolo di leadership nel nostro settore di attività tradizionale, il consolidamento della penetrazione in settori di nicchia, come quello sociosanitario o quello dell’illuminazione LED professionale, e l’accesso a nuovi mercati, come quelli dell’aeronautica, dell’automotive e dell’energia.

Il cambiamento culturale vede l’integrazione dei valori e del normale modo di operare dell’azienda con il contributo apportato dal talento dei giovani e dalle tecnologie rivoluzionarie

La trasformazione digitale, però, non ha soltanto implicazioni tecnologiche, finanziarie e operative, ma comporta anche un autentico cambiamento culturale. In Televés, il cambiamento culturale in corso vede l’integrazione dei valori e del normale modo di operare dell’azienda, vale a dire la vocazione industriale, la passione per la qualità, l’impegno e la vicinanza al cliente, con il contributo apportato dal talento dei giovani. Questo talento è vincolato alle tecnologie rivoluzionarie che ci servono per affrontare con successo il futuro che desideriamo.

In Televés il cambiamento culturale significa anche continuare a stimolare l’innovazione e la creazione di conoscenze, plasmando ambienti di lavoro sempre più interdisciplinari e flessibili. E tutto questo senza perdere di vista la nostra ragione di vita: i nostri clienti e collaboratori, il nostro contesto e la nostra gente.

Tra di noi

Daniel Dios, Direttore del reparto Proprietà industriale e gestione dell’innovazione di Televés

In che cosa consiste il tuo lavoro in Televés?

Nel dare valore a ogni elemento di innovazione prodotto in azienda, attraverso la registrazione di brevetti e progetti industriali nei mercati in cui portiamo avanti attività commerciali. Televés è un marchio famoso da diversi anni, registrato in più di cento Paesi. Va sottolineato che oltre a registrare i nostri diritti, dobbiamo preoccuparci di farli valere in caso di copie illegali o violazioni di brevetti. Controllare tutto questo non è facile, ma i nostri clienti e la nostra estesa rete commerciale ci danno un valido aiuto. Mi assicuro che siano sempre consapevoli di poter contattare direttamente il reparto Proprietà industriale qualora vengano a conoscenza di violazioni.

Da quando fai parte dell’azienda? Come si è evoluta la tua carriera in Televés?

Sono entrato in azienda nel 2005, cominciando a lavorare nell’ambito dei finanziamenti dei progetti di ricerca e sviluppo. Nel 2015 sono diventato responsabile del reparto Proprietà industriale. Il reparto è cresciuto e abbiamo avviato una strategia comune a tutti i mercati. Ci siamo adoperati per ricorrere il meno possibile a risorse esterne perché noi più di tutti sappiamo quali situazioni possono danneggiarci e ci concentriamo su quelle.

Il nostro lavoro serve per valorizzare il portafoglio di prodotti e soluzioni dell’azienda

Qual è l’aspetto più soddisfacente del tuo lavoro?

Essere in grado di difendere l’innovazione di Televés dalla concorrenza di società molto più grandi ed essere coscienti che il nostro lavoro serve per valorizzare il portafoglio di prodotti e soluzioni dell’azienda.

E l’aspetto più duro?

A volte dobbiamo affrontare delle cause complicate e tediosi procedimenti legali. Ci sono mercati molto difficili, come il Nord Africa e la Cina, dove proliferano le imitazioni. Non sempre è possibile eliminare le copie illegali, ma ne limitiamo l’impatto, trasmettendo al mercato l’idea che Televés significa qualità.

Quali sono, secondo te, i valori chiave dell’azienda?

L’impegno. Qui le persone sono sempre pronte a collaborare perché sono consapevoli dell’impatto della collaborazione.

Parlaci di qualche progetto in corso che ritieni importante!

Di recente abbiamo ottenuto il brevetto europeo per il nostro circuito T3 MMIC TForce. Ci siamo dovuti battere, anche con udienze al cospetto di una commissione di esperti all’Aja. Il procedimento è stato lungo e difficile, ma si è concluso con un successo.

Televes Corporation

Televés avvia un progetto pilota con la Croce Rossa della Baviera per lo sviluppo di Carelife™ nel mercato tedesco

Televés ha raggiunto un accordo con Bayerisches Rotes Kreuz (Croce Rossa della Baviera) per l’avvio di un progetto pilota che permetterà di sviluppare Carelife™ nel mercato tedesco. Questo importante passo per l’internazionalizzazione del prodotto viene compiuto dopo la conferma, nell’ambito del progetto europeo ACTIVAGE, della fattibilità e della robustezza di questa soluzione e-Health di teleassistenza avanzata.

Bayerisches Rotes Kreuz è un fornitore di servizi sociosanitari di riferimento nel Land della Baviera. La sua collaborazione sarà utile per adattare al mercato tedesco il modello di assistenza delle persone anziane o non autosufficienti proposto da Carelife™.

Per lo sviluppo del progetto pilota, 20 case saranno dotate di sensori per il monitoraggio delle attività quotidiane delle persone; ciò consentirà di analizzare abitudini e routine al fine di stabilire regole attraverso le quali definire potenziali situazioni di rischio che attivino automaticamente le risorse assistenziali, completando di fatto la funzione del tradizionale pulsante d’emergenza.

Carelife è un sistema intelligente basato sul telemonitoraggio, che analizza in maniera autonoma la salute e il benessere della persona. Il sistema ha capacità di apprendimento, ciò significa che è in grado di apprendere le abitudini della persona e di interpretarle. Carelife fornisce ai caregiver tutte le informazioni che servono per valutare adeguatamente ogni situazione, prendere le decisioni opportune e offrire l’aiuto necessario. I familiari hanno accesso alle informazioni in tempo reale per una maggiore tranquillità. Tutto ciò preservando al massimo l’intimità e la privacy degli assistiti.

Novita' prodotto

Streamer IP: cambia sintonia, con tutti i vantaggi delle centrali T.0X

Trasformano un segnale TV DVB in IP per la distribuzione di contenuti su una rete Ethernet

Negli ultimi anni sono emerse tecnologie che hanno determinato un cambiamento sostanziale nel modo di relazionarci nonché nelle forme di svago e intrattenimento. È il caso della convergenza tra tecnologia IP (protocollo Internet) e televisione digitale, che ha portato all’ampliamento e all’aumento degli accessi ai contenuti televisivi tramite Internet. Questa nuova situazione conferma l’importanza fondamentale di sapere in che cosa consiste l’attuale esperienza visiva IP.  

Esistono svariati nuovi sistemi e tecnologie che permettono di accedere ai contenuti televisivi tramite Internet. Tra i più conosciuti, abbiamo l’IPTV, che richiede l’installazione di nuove centrali costituite da streamer ed encoder IP.

Televés continua ad ampliare le proprie soluzioni IPTV, molto apprezzate nel settore Hospitality, lanciando sul mercato la serie di streamer IP per la distribuzione di segnali DVB-S2, cui faranno seguito altri standard come DVB-T2 e DVB-C. Questi dispositivi forniscono contenuti DVB su un’uscita IP per la distribuzione dei servizi su una rete Ethernet.

La gamma di streamer comprende inoltre una variante che consente la distribuzione sicura di contenuti attraverso la ricodifica con soluzioni DRM (Pro:Idiom attualmente e Samsung Link in futuro).

Grazie al formato T.0X (5U di altezza), condivide tutti i vantaggi di una serie di centrali modulari che si distingue per essere un sistema rapido, compatto, affidabile ed ecologico. Di fatto, questi streamer possono combinarsi con altri moduli T.0X, in particolare con encoder IP che digitalizzano i contenuti audio/video (HDMI).

Per realizzare la configurazione, gli streamer offrono una pagina Web per l’utente integrata e molto intuitiva alla quale è possibile connettersi mediante WiFi o cavo Ethernet. Nonostante ciascun modulo possa essere programmato in maniera indipendente, la funzione del modulo master permette di configurare una centrale completa. È possibile impostare come master qualsiasi streamer, che così sarà in grado di identificare automaticamente gli altri moduli e mostrare una rappresentazione grafica dettagliata della centrale di testa.

Tra le numerose funzioni offerte da questa pratica interfaccia Web rientra la clonazione delle centrali, che consente di replicare configurazioni tipo in altre installazioni. Grazie all’introduzione di servizi multipli, inoltre, si riduce il tempo di installazione, e la creazione di rapporti offre informazioni sullo stato della centrale (o di un determinato modulo), molto importanti ai fini dell’assistenza tecnica.

Sapevi che...

Congratulazioni per 25 anni di evoluzione professionale

Impegno e buon operato sono due dei valori principali necessari per l’avanzamento di carriera all’interno di un’azienda. In Televés siamo orgogliosi dei dipendenti che quest’anno festeggiano 25 anni di lavoro con noi. Grazie per la vostra dedizione e fedeltà.

  • Ana María Mirás Gómez: impiegata del reparto Esportazioni
  • Francisco Lema Rodríguez: ingegnere di telecomunicazioni dell’area di supporto alle filiali
  • Juan Carlos Rego Sampedro: operaio di produzione
  • Luis Javier Vara Rodríguez: rappresentante della zona nordoccidentale

Domande frequenti

Quale programma si deve utilizzare per programmare le centrali Avant?

Oltre al telecomando programmatore universale rif. 7234, le centrali Avant possono essere programmate anche da PC o dai dispositivi Android (solo Avant6, Avant9 e AvantX).

A seconda del modello Avant da programmare, avremo bisogno di un software specifico e di un cavo adattatore.

Per i modelli Avant5, AvantHD e Avant7, il programma da utilizzare è TSuite (solo PC) e il cavo adattatore è quello del kit rif. 216801.

Per i modelli Avant6, Avant9 e AvantX, utilizzeremo il software ASuite (PC e Android) e un cavo da USB a micro USB di tipo B. In caso di utilizzo di Android, il telefono o il tablet deve essere provvisto di OTG (questi dispositivi sono forniti con un cavo OTG USB-microUSB).

Per gli Avant3 prodotti dal 2010 in poi, invece, vanno utilizzati il software specifico per Avant3 (solo PC) e il cavo adattatore del kit rif. 216801.

Per richiedere il software per PC, inviare un messaggio di posta elettronica all’indirizzo: supporto.tecnico@televes.com

Scarica e informazioni su ASuite:

ASuite per programmare le centrali Avant6, Avant9 e AvantX
ASuite per programmare le centrali Avant6, Avant9 e AvantX

Instalazioni reali

Hotel Robinson Club (Capo Verde)

A dicembre 2019 sull’isola di Sal, a Capo Verde, è stato inaugurato l’ampliamento del resort Robinson Club. Si distingue per la sua posizione privilegiata, su una spiaggia di 8 km dove gli sport acquatici sono l’attrattiva principale.

L’installazione di un sistema FibreData con ArantiaTV serve 317 camere, delle quali 16 sono suite. Due OLT (e una terza di backup) forniscono, mediante GPON, i servizi di WiFi, telefonia e IPTV all’intero complesso.

Dell’installazione e della configurazione del sistema è stato incaricato l’integratore WiCoM.

Televés nel mondo

Programma FEI 20XX, CES Las Vegas, Illuminazione intelligente e salutare 4.0 ...

TALENT BRAND

Programma FEI 20XX (Vigo, Spagna) 18 dicembre

Tenutosi nella sala riunioni della Scuola tecnica superiore di ingegneria. Nuria Figueira, responsabile dello sviluppo delle risorse umane, e Javier Augusto Gonzalez, responsabile dei progetti tecnologici, hanno illustrato la visione di Televés del valore del capitale umano nei team multidisciplinari.

FIERE

CES Las Vegas (Las Vegas, Stati Uniti) 6-9 gennaio

Televés ha partecipato all’evento tecnologico per antonomasia, presentando le novità nell’ambito della distribuzione del segnale televisivo, prime fra tutte le antenne di TDT Ellipse e BEXIA. Televés utilizza la tecnologia TForce nelle sue soluzioni per i contenuti Over-the-air (OTA).

CONGRESSI E PRESENTAZIONI

Illuminazione intelligente e salutare 4.0 (Vigo, Spagna) 2 dicembre

Ignacio Seoane, Product Manager de Illuminazione Professionale a LED, in occasione della giornata organizzata a Vigo, espone le caratteristiche teoriche della tecnologia NB-IoT, insieme ai vantaggi e alle sfide che derivano dalla sua implementazione. 

Galicia Global 2019 (Santiago di Compostela, Spagna) 18 dicembre

Santiago Rey Requejo ha partecipato a uno dei tavoli di discussione del terzo incontro organizzato da AED (Asociación Española de Directivos) nella Città della Cultura. È stata una cornice meravigliosa in cui poter confrontare i punti di vista relativi alle sfide che affrontano le nostre imprese e le nostre società. 

Presentazione del progetto Trafair (Santiago di Compostela, Spagna) 24 gennaio

Xosé Luis Fernández Carnero, direttore generale di strategia di Televés Corporation, ha preso parte ieri alla presentazione del progetto europeo Trafair, dedicato alla conoscenza dei flussi di traffico e al miglioramento della qualità dell'aria. Tra gli altri hanno partecipato anche l'Università, il Consiglio Comunale di Santiago di Compostela e il Centro de Supercomputación de Galicia (CESGA).

Premios Enxenio (Santiago di Compostela, Spagna) 24 gennaio

Siamo molto fieri di essere stati insigniti dal Colegio Oficial e dalla Asociación de Ingenieros Técnicos de Telecomunicación de Galicia (COETTGA / AGGETT) del premio Enxenio all’azienda galiziana di riferimento nel settore; Santiago Rey ha ritirato orgoglioso il premio a nome di tutti i lavoratori.

Formazione

Configurazione di una centrale di streamer IP T.0X

Rapida, semplice, senza programmi e da PC, tablet o smartphone

Ogni modulo dispone di un’interfaccia di configurazione intuitiva integrata, accessibile da rete WiFi o Ethernet.

Tutti gli articoli consentono di generare fino a 32 uscite IP SPTS. È inoltre presente un ingresso C.I. per l’inserimento di un modulo CAM che permette la decodifica dei servizi criptati.

La configurazione dei mutiplexer si realizza mediante un’interfaccia Web alla quale è possibile connettersi tramite Ethernet o WiFi, in quest’ultimo caso utilizzando il kit adattatore rif. 216802.

Per realizzare la connessione tramite Ethernet è necessario conoscere l’IP del modulo in questione. Il valore predefinito, diverso per ogni unità, è impresso sull’etichetta posteriore di ciascun dispositivo.

L’indirizzo IP del PC dovrà essere configurato sulla stessa sottorete del modulo e, mediante un cavo Ethernet, il PC dovrà essere collegato direttamente alla porta ETH1 del modulo. Aprire il browser (si consiglia di utilizzare Firefox o Chrome) e accedere all’URL “http://<IP del modulo>”.

La connessione mediante WiFi si realizza collegando il kit adattatore (rif. 216802) alla porta micro USB del frontalino; in questo modo si crea una rete WiFi aperta, con SSID nel formato “Televes_mng_XXYYZZ”, alla quale connettersi. Per accedere alla pagina Web di configurazione, aprire nel browser l’URL “config.t0x”

Le credenziali predefinite per l’accesso al dispositivo sono le seguenti: Nome utente: web
Password: admin

L’interfaccia di controllo è suddivisa nelle seguenti sezioni:

  • A sinistra è visualizzata la barra dei menu (Stato, Configurazione, Avanzate).
  • In alto a destra è presente il menu di selezione della lingua.
  • Al centro sono visibili i moduli di controllo, che variano in funzione del menu selezionato.

Configurazione di una centrale di streamer IP T.0X

Per gli articoli con rif. 565740/565701 i parametri principali da configurare sono:

Ingresso:

  • Alimentazione del preamplificatore d’ingresso (0, 12, 24 V).
  • Selezione della tabella di canali o della modalità di frequenza.
  • Frequenza o canale d’ingresso.
  • Larghezza di banda d’ingresso (1,7, 5, 6, 7, 8 MHz).
  • Selezione del PLP in caso di rilevamento di più PLP sull’ingresso (solo DVB-T2).

Uscita:

  • Codifica di uscita (OFF/Pro:Idiom).
  • Servizi da distribuire sull’uscita IP.
  • Indirizzo IP e porta di base e incremento automatico dell’uno o dell’altra.

Per gli articoli con rif. 565840/565801 i parametri principali da configurare sono:

Ingresso:

  • Attivazione/Disattivazione del collegamento.
  • Alimentazione degli LNB o polarità.
  • Selezione del satellite mediante DiSEqC (A, B, C, D).
  • Frequenza d’ingresso (950-2150 MHz) e baud rate (2-45 Mbaud) di ciascun transponder.

Uscita:

  • Codifica di uscita (OFF/Pro: Idiom).
  • Servizi da distribuire sull’uscita IP.
  • Indirizzo IP e porta di base e incremento automatico dell’uno o dell’altra.

Configurazione di una centrale di streamer IP T.0X

Non perdertelo!

Nuova versione SW del MOSAIQ6: 1.31

  • Nuove unità di posizionamento selezionabili per GPS
  • Possibilità di selezionare l'intervallo delle portanti per la visualizzazione
  • CAM per l'ingresso IP
  • Rappresentazione grafica colorata della portante video, nello spettro, per i canali analogici
  • Ottimizzazione nel rilevamento analogico/digitale nella sintonia per frequenza
  • Modifica dei piani e dei profili dal Web senza la necessità di riavviare il dispositivo
  • Ottimizzazioni: identificazione satellitare, indicazione del livello della batteria, esportazione ICT in Excel
  • Possibilità di adattare l'HDMI su schermi 4K
  • Possibilità di importare liste m3u

Annuncio

H30EVOLUTION un mondo di misure professionali oggi sul tuo dispositivo mobile